Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
29 giugno 2011 3 29 /06 /giugno /2011 17:33

È incredibile, il mitico juke box compie 80 anni e oggi merita di essere festeggiato a gran voce: Buon Compleanno Juke box, che sei riuscito con pochi spiccioletti a far sciogliere e sorridere anche i cuori più timidi, rudi e selvaggi. E oggi, anni in cui pullulano iPod, telefonini e cd portatili, ti sei preso la tua bella rivincita e rappresenti un desiderio, un simbolo per gli amanti della musica e del design.

Come non innamorarsi di quella magnifica scatola musicale in cui basta una sola monetina per arricchirsi di gioia, di speranza, di amicizia e di orgoglio? Ebbene quella magica scatola che negli anni '60 a volte risultava un po' ingombrante, oggi si è tramutata in un oggetto ricercatissimo, di gusto del design, di arredo e riesce ancora a sorprendere per il suo magnetico fascino: bastava una monetina e il gioco era fatto! Dal juke box esplodeva un arcobaleno fatto di luci, di note che rallegravano e talvolta si tramutava in un abile pioniere di abbordaggio, ottima scusa per far colpo, come nella memorabile scena del film di Vanzina in Sapore di Mare, dove sotto la capannina, la bella bionda abbronzatissima attirata dalle note, esibiva le sue conturbanti forme sotto le contagiose note del Ballo del Mattone.

Attualmente il re dei juke box, il più ricercato, è il Wurlitzer 1015, modello del 1946 ideato da Fuller che assieme a Miller della Seeburg ne rivoluzionarono il design con l'introduzione della plastica, della forma armonica e delle psichedeliche luci colorate da ricordare quella di Las Vegas. L'oggetto, prodotto in 56.242 esemplari, sfiora i 50 mila euro. E pensare che il Detubante del 1934, primo juke box prodotto dalla Wurlitzer, era una sorta di armadietto grigiastro, privo dei "bubble tubes" colorati, che a dire il vero alla vista non ispirava molto allegria.

Intorno a quegli anni il P10, un modello a 78 giri, consentiva di scegliere le canzoni tra 10 dischi messi a disposizione. Il mobile impiallacciato in noce, era caratterizzato da una parte trasparente da cui era possibile scrutare il meccanismo di funzionamento cambiadischi.

La vera svolta si ebbe con il Wurlitzer 850 del 1941, prodotto in più di 10 mila esemplari, dal design rivoluzionario e moderno, quello dall'immagine che con gli anni è entrata a far parte dei nostri desideri. Accanto alla Wurlitzer altre case produttici contribuirono alla diffusione dei juke box come la AMI e la Seeburg.

Wurlitzer P10

Condividi post

Repost 0
Published by francesca - in Architettura e Design
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Blog di carpe-diem
  • : In questo blog troverete molte notizie utili riguardanti l'architettura, la poesia e recensioni su locali e luoghi in Italia.
  • Contatti

Link