Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
24 luglio 2011 7 24 /07 /luglio /2011 08:30

Il grassello di calce non è altro che un ottimo legante utilizzato soprattutto nel campo del restauro per risolvere svariate problematiche, per esempio per eseguire rinzaffi, stuccature, per consolidare quadri lesionativi o anche per decorare pareti.

L'impiego del grassello di calce

Non tutti sono a conoscenza del fatto che quando si utilizza il grassello di calce per comporre malte solide, non è necessario aggiungere acqua in quanto il grassello ne rilascia quanto basta per creare un impasto solido, cosituito da sabbia, pozzolana, graniglia, che una volta asciugato e sottoposto a ritiro (carbonatazione), non è soggetto a lesioni tali da comprometterne la sua stabilità. Il grassello è un legante elastico, traspirabile, solido, resistente agli urti e agli attacchi biologici. Il grassello di calce si ottiene mediante la cottura di pietre calcaree che si trasformano in ossido di calce o calce viva, segue lo spegnimento, ossia il trattamento della calce viva con una quantità d’acqua pari a due volte e mezzo il suo peso, ottendendo così la calce spenta, ovvero l’idrossido di calcio o calcina o grassello di calce. La qualità del grassello è legata all’assenza di grumi e alla sua capacità legante. Se alla comune sabbia si sostituisce la polvere di marmo, si ottiene il cosiddetto marmorino, il cui impiego dà luogo a una decorazione luminosa e di effetto lucido. Nel '400 il classico spatolato di calce veniva effettuato con la cazzuola e lavorato finemente. Nel '600-'700 il marmorino, molto utilizzato nell'area veneta, assume spessori più consistenti, dell'ordine di circa 4mm.

Il grassello di calce va protetto dal gelo.

L'applicazione del grassello di calce

Il grassello di calce, oltre a essere elemento di struttura per la composizione di malte è anche molto sfruttato come elemento di finitura ovvero utilizzato come rasante sulla malta fine ancora umida (raso seta), attraverso velature ottenute con una spatola metallica. Lo spessore massimo da raggiungere per una corretta applicazione è di 1mm. Si possono ottenere finiture cromatiche più originali se nel grassello si aggiungono dei coloranti sottoforma di pastiglie colorate; volendo è possibile anche tingere il grassello di nero. La cosa importante è che lo strato sottostante sia uniforme e che soprattutto non spolveri. Infine per ottenere una lucidatura ad hoc è consigliabile utilizzare il frattone in acciaio inox con i bordi arrotondati.

grassello di calcestuccature lesioni con grassello di calce

Condividi post

Repost 0
Published by francesca - in Decorazione
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Blog di carpe-diem
  • : In questo blog troverete molte notizie utili riguardanti l'architettura, la poesia e recensioni su locali e luoghi in Italia.
  • Contatti

Link