Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
7 settembre 2012 5 07 /09 /settembre /2012 20:40

 

State valutando di modificare il vostro bagno e di acquistare un nuovo lavandino? Avete preso in considerazione la possibilità di acquistare un pratico lavabo sottopiano?

Il lavabo sottopiano si presenta come un lavabo incassato ad una base-lavabo, ancorato ad un top che è  posizionato nella parte superiore del lavabo. In questa sede ci occuperemo del corretto montaggio di un lavabo sottopiano suddividendo il lavoro in varie fasi esemplificative.

 

 

1 fase:  La prima operazione da compiere riguarda l’installazione della base del lavabo. Bisogna posizionare la base del lavabo non sottovalutando la posizione esatta degli attacchi idraulici e lo scarico. Generalmente le basi sono vuote per permettere il posizionamento di attacchi idraulici più lunghi, in particolari condizioni di spazio.

 

2 fase: Si capovolge il top e si posiziona correttamente il lavabo sottopiano nell’apposito foro; troverete delle apposite placchette di ancoraggio tra il lavabo sottopiano e il top. A questo punto bisogna fissare le viti delle placche per assicurare la perfetta tenuta del lavabo sottopiano al top.

 

3 fase: L’ultima fase consiste nell’utilizzare del silicone, preferibilmente bianco, da iniettare su tutto il perimetro del lavabo e in tutti gli angoli della base corrispondente. Il lavabo è pronto per l’utilizzo; con molta cautela basta capovolgere il top con il lavabo sottopiano compreso, fissato e posizionato sulla sua corrispettiva base.

 

􀂃 Una volta installata la base porta lavabo, fissare il frontale curvo.

􀂃 Posizionare il lavabo sulle apposite viti di supporto.

􀂃 Stendere il silicone su tutto il bordo del lavandino ed appoggiare il top (marmo e/o legno e/o cristallo) sul mobile.

􀂃 Mettere in tensione il lavabo agendo sulle viti dalla parte interna del mobile controllando che la posizione sia centrale e corretta.

bagno-moderno-curvo-con-lavello-sottopiano.jpg

 

 

N.B.

Prima di installare definitivamente il top con il silicone, si consiglia di verificare che la posizione del lavandino sia corretta e centrale.

Per l’installazione dei top in cristallo utilizzare solo ed esclusivamente silicone non acetico neutro trasparente già in dotazione con il piano

Repost 0
Published by carpe-diem - in Mobili e Arredamento
scrivi un commento
28 luglio 2011 4 28 /07 /luglio /2011 23:49

Gli espositori da banco rappresentano il vero bigliettino da visita per chi varca l'entrata di un negozio: il colpo d'occhio che incuriosisce, invoglia a chiedere informazioni e, di conseguenza, ad acquistare. L'espositore da banco, oltre ad essere curato nel design, deve essere estremamente funzionale.

I materiali per gli espositori da banco

Gli espositori da banco sono degli oggetti capaci di determinare e incentivare il successo di un prodotto se è ben esposto. Proprio per tale motivo gli espositori da banco sono particolarmente studiati, curati nel design e nella struttura, atti a ospitare ordinatamente i vari prodotti in maniera pratica e semplice ove si decide di prelevare e riporre il prodotto dal punto un cui è stato posizionato, per osservarlo, valutarlo e nella migliore delle ipotesi acquistarlo.

Un aspetto determinante degli espositori di banco sono i materiali, i colori e la grafica che viene applicata per farne diventare un oggetto accattivante, magnetico tanto da attirare l'attenzione del pubblico. Ovviamente i materiali utilizzati per la prouzione di espositori da banco devono necessariamente essere durevoli, molto stabili e resistenti perché soggetti ad essere maneggiati da molte persone.

I materiali utilizzati per gli espositori da banco sono: materiale plastico, cristallo acrilico, Pvc, metacrilato o plexiglas trasparente o colorato, cartone ondulato, vetro, filo metallico, lamiera, polistirolo, legno, alluminio e tessuto. Inoltre molto importante è la dimensione dell'espositore che deve essere pensata in funzione sia di ciò che si deve esporre che dello spazio a cui è destinato. Proprio per questo le aziende puntano a realizzare prodotti non soltanto esteticamente attraenti, ma estremamente funzionali e poco ingombranti, cercando di esporre più prodotti in poco spazio. A livello grafico sugli espositori è possibile anche stampare il marchio del prodotto esposto, creando in tal modo un espositore da banco veramente esclusivo.

Alcune aziende produttrici di espositori da banco

Di seguito vi suggeriamo una serie di case produttrici di espositori da banco:

- infosherer.it è una giovane azienda specializzata in espositori da banco in metacrilato e cartone ondulato e tutto per la ricevitoria;

- toffanin.de è un'azienda che produce espositori da banco, da terra e a parete in vetro con illuminazione integrata;

- gpzespositori.com produce espositori in filo metallico e lamiera comprensivi di tutti gli elementi accessori quali tondini, ganci, cestelli, reti, carrelli di arredo e display da banco. Questo tipo di espositore è molto flessibile, si adatta ad ogni tipo di ambiente in quanto non occupa molto spazio. Molto richiesti per l'esposizione di prodotti all'interno di magazzini di tipo industriale.

espositore da bancoespositore in cartone ondulatoespositore da banco in metacrilatoespositore da banco in legnoespositore
Repost 0
Published by francesca - in Mobili e Arredamento
scrivi un commento
27 luglio 2011 3 27 /07 /luglio /2011 10:43

Se avete deciso di cambiare il vostro vecchio divano e acquistarne uno nuovo, comodo, bello e che soprattutto costi poco, allora potete dare un'occhiata a queste strabilianti offerte.

Le migliori offerte per il divano-letto

Prima di acquistare il vostro nuovo divano è bene pensare dapprima alla comodità. In una casa i letti, si sa, non sono mai abbastanza, specialmente se vi piace stare in compagnia e ospitare amici e parenti. Quindi la soluzione migliore sarebbe quella di iniziare a pensare a un bel divano letto, comodo, rilassante e di fine design, così da arredare e valorizzare l'ambiente in cui deciderete di piazzarlo. In commercio vi sono svariati modelli di divani letto, da quelli classici a quelli lineari, da quelli angolari a quelli con penisola. Inoltre potrete sbizzarrirvi anche sulla scelta dei materiali, dall'intamontabile pelle vera ai morbidi tessuti colorati, o stoffe resistenti e luccicanti. In effetti la scelta del divano-letto diventa davvero difficile perché in commercio ce ne sono di tutti i tipi e di varie dimensioni, da una piazza fino a un enorme divano-letto di 2 piazze e mezzo. Per aiutarvi nella scelta del vostro divano-letto vi illustriamo delle offerte davvero interessanti da prendere al volo!

  • "Mondo Convenienza" propone mod. Maldive (Misure divano aperto 183x114x39) un divano comodo con la particolarità dello schienale reclinabile che all'occorrenza con un semplice gesto si abbassa senza occupare moltissimo spazio. Costa 150 euro.

Per chi non ha problemi di spazio, molto interessante ed essenziale nel design è il mod. Summertime che una volta aperto diventa un letto a 2 piazze e mezzo.

  • "Mondodivano" offre un'ampia gamma di divani in pelle, ecopelle, microfibra, tessuto e cosa importante, la possibilità di crearne uno personalizzato in modo artigianale e i prezzi dei prodotti sono davvero competitivi.
  • Divano letto angolare costa 919 euro.
  • Divano letto a castello costa 1.690 euro.
  • Divano letto singolo costa 750 euro.
  • Divano letto a 2 piazze serie Lux costa 850 euro.
  • "IKEA" divano letto a 3 posti (largh.200cm,prof.104cm, alt.91cm) mod. Beddinge Lovas 259 euro.
  • "Giwa" propone il mod. Sisto disponibile in tre misure e composto da una struttura di legno in abete multistrato e legno melaminico. Completamente sfoderabile e lavabile. Dotato di tasche porta cuscini da utilizzare quando si trasforma in letto. Costa 669 euro.

E allora cosa aspettate?

Allora cosa aspettate? Un consiglio? Sbrigatevi perché questi divani stanno andando a ruba!

Divani letto " Mondo Convenienza"Divano letto Beddinge Ikea
Repost 0
Published by francesca - in Mobili e Arredamento
scrivi un commento
25 luglio 2011 1 25 /07 /luglio /2011 14:46

Se è vero che nella casa c'è un cuore che batte, il centro nevralgico, il luogo più caldo ed accogliente, il vero cuore della casa è la nostra cara cucina.

La cucina componibile

Quando si decide di acquistare una cucina componibile bisogna, preventivamente, rielvare bene lo spazio che si ha a disposizione, in maniera tale da sfruttarlo al meglio in base alle nostre esigene e alle nostre abitudini quotidiane. Le cucine componibili moderne o classiche, funzionali sono il prodotto di una corretta progettazione di base. Seguendo la regola del "triangolo", è possibile avere 6 configurazioni spaziali differenti per la nostra cucina.

1) La cucina disposta lungo una sola parete, quella che generalmente viene montata nei cosiddetti "cucinotti", ossia in un ambiente stretto e lungo che non pò ospitare più di due persone per volta. La dimensione ideale della lunghezza è di circa 3 metri, optando per elettrodomestici ad incasso, ante dei mobili scorrevoli e piani di lavoro ampi, soprattutto lo spazio compreso tra forno e lavello.

2) Nella cucina composta da 2 blocchi contrapposti, la distanza ottimale tra le due pareti deve essere di minimo 1,20 m, piani di appoggio su entrambi i lati e ben illuminatao versatile con i mobili disposti a 90° così da formare un angolo che va ben studiato per recuperare spazio. Generalmente piano di lavoro, fornello e lavello dovrebbero essere separati dal piano di lavoro così da formare un triangolo ideale.

3) La cucina ad U sfrutta 3 pareti è funzionale sia per spazi piccoli che ampi; nello spazio centrale deve esserci una distanza tra i mobili di almeno 2 m.

4) La cucina a L è versatile; il lavello, il frigo e la cucina dovrebbero essere separati dai piani di lavoro così da formare un triangolo funzionale. L'angolo di 90° deve essere ben progettato per sfruttare meglio lo spazio inserendo ripiani angolari, cestoni girevoli.

5) La cucina ad isola è funzionale se inserita in un ambiente ampio ove è possibile inserire alle spalle un blocco cucina disposto a L o a U;

6) La cucina a penisola è caratterizzata da una zona ove poter fare colazione o essere sfruttata come piano di lavoro.

Le aziende produttrici di cucine componibili

La Copat produce cucine componibili in stile moderno e classico. Tra i modelli classici Decò, cucina country chiara, o Stilnovo in noce molto lineare. Per i modelli moderni Madeira, cucina bianca, essenziale nelle linea; interessante lo stacco cromatico con il top nero.

La Gatto propone modelli di cucine componibili classiche e moderne. Il modello Jazz è particolare per il colore acceso fuxia dei pensili in contrasto con il legno.

Ral cucine propone cucine molto sobrie come il modello Flavia.

gattocucine.com

www.copat.it

ralcucine.it

cucina componibilecucina componibile
Repost 0
Published by francesca - in Mobili e Arredamento
scrivi un commento
22 luglio 2011 5 22 /07 /luglio /2011 09:33

In una casa sembrano non essere mai sufficienti, i nostri cari armadi, questi indispensabili contenitori capienti che ci vengono in aiuto specialmente quando bisogna fare il classico cambio-stagione e non sappiamo dove riporre tutti i nostri indumenti.

Gli armadi ad angolo

Se non si ha spazio sufficiente per disporre il classico ingombrante armadio a sei ante allora la soluzione conveniente è quella di posizionare un armadio ad angolo che ci fa recuperare un bel po' di spazio da poter sfruttare per riporre tutti gli indumenti che desideriamo. Gli armadi ad angolo possono essere inseriti in camere poco spaziose così da recuperare e risolvere problemi di spazio. Infatti la misura minima di spazio sufficiente per posizionare un armadio ad angolo è di 1,05mx1,05m (angolo) con un'altezza variabile tra i 2,30m e i 2,60m, a meno che il nostro interpiano non sia più alto di 2,70m. La profondità di un armadio ad angolo è pari a quella di un normale armadio, con la differenza che è possibile muoversi al proprio interno, senza perdere spazio di movimento, usufruendo di un'apertura delle ante comoda in quanto una volta aperto il nostro armadio, lo spazio a disposizione è pari alla somma dei due angoli chiusi da due ante battenti poste a 90°e che si aprono interamente, (nel nostro caso 2,10 m), in quanto non ci sono spalle che interrompono il modulo. In questo caso un'anta va a chiudersi sull'altra, appoggiandosi sulla fascia verticale che il più delle volte è in metallo.

Un armadio ad angolo di questo tipo internamente contiene, inoltre, n°2 bastoni appendiabito posti a 90°, con la possibilità di aggiungere ripiani angolari, ove occorre. Se il fondo è assente allora siamo di fronte a una cabina armadio angolare ove è possibile posizionare all'interno anche cassettiere con ruote. In tal caso le ante possono essere sia a fermo-battente che a libro così da recuperare anche lo spazio dell'angolo, che nel primo caso si perde. Gli armadi angolari di legno sono molto sfruttati sia nelle camerette dei bimbi quando non si ha spazio disponibile sufficiente o quando ci si trova di fronte a pareti occupate su più lati da porte o finestre.

Dove acquistare gli armadi angolari?

L'azienda Ima sistemi produce armadi molto raffinati, moderni e colorati compresi quelli angolari.

L'azienda ROS 1 S.A. propone tra i modelli di armadi angolari Ros Mini 21 e Ros Mini 23, armadi ad angolo per bambini.

L'azienda Nolte Mobel propone i modelli Horizont e Columbus, armadi angolari moderni per camere da letto.

La Mazzali propone i modelli Atlantis, Ego e Epoca, armadi angolari dal gusto classico.

Anche la Marzorati produce armadi angolari per camerette.

La Foppapedretti fornisce modelli interessanti a partire da 639,00 euro.

armadio angolare per camerettaarmadio angolare foppapedrettiarmadio angolare
Repost 0
Published by francesca - in Mobili e Arredamento
scrivi un commento
20 luglio 2011 3 20 /07 /luglio /2011 17:22

La fiera del Mobile di Riardo è una storica azienda che sin dal 1968 ha dimostrato di essere altamente competitiva nel settore dell'arredamento, riuscendo sempre a soddisfare le aspettative dei suoi clienti.

La storia dell'azienda

Nel 1968 il Sig.Raffaele Perrella ha fondato l'azienda di arredamento a Teano, in località Casilina. In pochi anni l'azienda è riuscita a conquistare la fiducia dei propri clienti e anno per anno, è diventata una realtà sempre più solida, destinata a servire tutto il Meridione. La seconda sede espositiva, immersa in un parco di 600.000 mq, fu aperta a Riardo, un paese della provincia di Caserta. Il successo della Fiera del Mobile è intimamente legato alla sua strategica politica di mercato, una filosofia di business che si fonda sul rapporto di fidelizzazione della clientela: i clienti sono resi partecipi e attivamente coinvolti nella scelta degli arredi, nonché sostenuti da un grosso staff tecnico di grande professionalità, formato da 50 architetti e 30 collaboratori. La scelta del mobile avviene con criterio, in quanto la clientela è sempre consigliata e guidata nel migliore dei modi sullo stile, sui materiali e sui colori preferibili per ciascun caso diverso. Il fascino della tradizione del mobile italiano si rinnova in un'atmosfera accogliente delle ambientazioni proposte dalla Fiera dei Mobile. Arredi ed elementi sono progettati e realizzati con grande cura pensando ai mobili autentici, antichi con tutto il loro fascino. L'intarsio, le laccature, le lucidature e la passione per il mobile bello, sono aspetti molto curati per conquistare la fiducia della clientela. Lo staff tecnico oltre ad ascoltare il pubblico e dare buoni consigli riguardo alla scelta dei mobili, creano ambientazioni esplicite che schiariscono le idee e ne suscitano altre per le persone più indecise.

I servizi

Tra i servizi che l'azienda offre:

  • Ampi parcheggi custoditi

  • Un enorme parco di verde attrezzato con area di sosta e giochi per i bambini.

  • Servizio bar per la degustazione del “caffè napoletano”.

  • Una sala con servizio ristorante immersa nel verde per poter ospitare la clientela durante le ore di chiusura.

  • Una sala baby attrezzata con videogiochi, televisione con servizio di intrattenimento e sorveglianza dei bambini

Per ulteriori info consultate il sito Fieradelmobileriardo.it

Inoltre, la visita dell’ azienda “ Fiera del Mobile di Riardo” può in ogni caso trasformarsi nell'occasione per trascorrere piacevolmente una giornata in campagna.

letto
Repost 0
Published by francesca - in Mobili e Arredamento
scrivi un commento
20 luglio 2011 3 20 /07 /luglio /2011 10:30

Negli ultimi anni l'orologio a parete è diventato un oggetto di forte carica espressiva e di design. Gli orologi pur essendo appesi a una semplice parete, arredano, e per tale motivo vanno scelti in funzione dello stile d'insieme dell'ambiente in cui dovranno essere inseriti.

Gli orologi a parete

Nelle vetrine dei negozi vi sono, ormai, un'infinità di orologi a parete dalle forme più strane e scegliere senza avere un'idea chiara delle varie tipologie in commercio non è semplice. Per facilitare la scelta classifichiamo per categorie i vari tipi di orologi che sono attualmente in commercio e ne proponiamo qualche esempio.

Vi sono orologi classici, tatoorologi, pendoli da muro, colorati, componibili, sagomati, fusi orari, lineari, quadri da parete, in legno da muro, giganti, comunicativi, sportivi, animali. Di seguito vi proponiamo dei prodotti molto interessanti.

  • I "classici": molto particolare è il mod.1200 è un orologio da parete circolare diam.26 cm in MDF; meccanismo tedesco di ottima qualità, silenzioso. È possibile scegliere il colore della corona esterna coordinato alle lancette.

  • I "tatoorologi": molto bello è il mod.2012 dimensioni 120x60 cm in MDF; meccanismo tedesco di ottima qualità, silenzioso. Nella composizione appare come un tatoo tribale il cui centro si appende con un chiodino a muro mentre le parti di contorno si fissano a parete con il bioadesivo fornito.

  • I "componibili": sono orologi molto apprezzati; tra i modelli più accattivanti vi è l'orologio RND_time di RND_Lab che è stato tra i protagonisti della mostra The New Italian Design di Milano ed è composto da cubetti in poliammide o in legno verniciato, da spargere e fissare liberamente sulla parete e costa circa 130 euro.

  • I "comunicativi": per questa linea proponiamo l'orologio design Invotis "Posate" in alluminio caratterizzato da posate poste intorno all'orologio centrale, ideale per la cucina.

  • I "giganti": sono orologi molto gettonati soprattutto dai giovani; proponiamo il Trabo Digital Office che ci ricorda vagamente gli orologi che si trovano nelle stazioni ferroviarie.

  • I "colorati": in questa sezione sprizza allegria l'orologio da parete Mozia, dal quadrante concavo e sottile, realizzato dal designer Giovanni Levanti. Tra gli orologi in legno colorati e a parete proponiamo gli orologi in legno di compensato o bambù della Pilot Design di Keith Moore, semplici ed essenziali, per questo adattabili a ogni tipo di ambiente. Molto funzionali le lancette e i numeri realizzati in alluminio satinato in maniera tale da essere visibili anche da lontano.

Perché acquistare un orologio a parete di design?

Acquistare un orologio di design vuol dire avere buon gusto e dare un tocco di eleganza alla vostra casa. Anche una banalissima parete bianca può cambiare totalmente fisionomia e aspetto se viene valorizzata introducendo un prodotto raffinato. Quindi cos'altro aggiungere? Carpe diem!

orologio giganteorologio posateorologio componibile
Repost 0
Published by francesca - in Mobili e Arredamento
scrivi un commento
19 luglio 2011 2 19 /07 /luglio /2011 23:40

Le cassettiere sono arredi indispensabili per riporre materiale che occorre per svolgere la propria attività d'ufficio. Oltre ad essere pratiche, le cassettiere devono essere sicure e resistenti.

Le cassettiere per ufficio

Nelle cassettiere è possibile riporre tanti oggetti che occorrono quotidianamente e per questo motivo devono essere pratiche e capienti. Le cassettiere di ufficio negli anni '70-80 erano in materiale plastico caratterizzate da molti cassettini non molto alti dove era possibile riporre materiale da cancelleria, ma non era così semplice ricordare in quale di quei cassetti era riposto proprio ciò che si cercava in quel preciso momento. Non tutte le cassettiere erano munite di rotelle e quando erano piene zeppe di oggetti restavano ancorate nello stesso posto perché non era così semplice spostarle. Oggi le cassettiere moderne sono pratiche, funzionali, capienti, e posizionabili dove più si preferisce. Le cassettiere più utilizzate in ufficio sono quelle in lamiera verniciata con spigolo raggiati come previsto dalle normative antinfortunistiche europee. Generalmente i frontalini e il top di questo tipo di cassettiere possono essere sostituite da materiali alternativi come il legno o la plastica al fine di ottenere un aspetto formale alternativo. I cassetti sono ideati per poter contenere accessori normalmente in uso quali divisori antiribaltamento, cartelline sospese, separatori etc. Inoltre i cassetti possono essere caratterizzati da guide a rotelle normali, per i classici cassetti o telescopiche a sfera per quelli a completa estrazione ovvero per i cassetti classificatori. In base al modello della cassettiera è possibile montare sia piedini in plastica regolabili in altezza, che ruote del tipo piroettante in materiale plastico antiurto, che ne permettono il fluido spostamento.

Le aziende produttrici di cassettiere per ufficio

In Italia è possibile avere un'ampia scelta riguardo le cassettiere per ufficio in quanto le ditte produttrici sono veramente molte. Di seguito ne suggeriamo alcune tra le tante che forniscono cassettiere per ufficio su tutto il territorio nazionale. Comelpd.it: la Comel S.P.A. è un'azienda leader nel settore della lavorazione della lamiera, dotata di impianti tecnologici all'avanguardia. Le cassettiere in lamiera che propone la Come S.P.A. sono progettate sulla base del soddisfacimento delle effettive esigenze lavorative specie per chi lavora in ufficio. Molto interessante è il modello Sigma, una cassettiera ideata per recuperare spazio e indirizzata soprattutto ai call center per alloggiare telefoni e pc. Manerbaspa.com: la Manerba produce cassettiere che oltre ad essere funzionali, ergonomiche, sicure e resistenti sono degli elementi architettonici di puro design cioè prodotti molto belli non soltanto nella funzione ma anche nella forma.

cassettiera per ufficiocassettiera design
Repost 0
Published by francesca - in Mobili e Arredamento
scrivi un commento
19 luglio 2011 2 19 /07 /luglio /2011 17:52

Il momento magico della giornata è senz'altro la sera, quando dopo una giornata di stressante lavoro ci si tuffa sul nostro amato letto. Per dormire beati e tranquilli non serve soltanto un buon materasso ma il massimo relax si raggiunge quando la struttura di base è di ottima qualità: una buona rete sarà l'artefice dei nostri dolci sogni.

La rete per letto

Non basta invocare Morfeo per addormentarsi tranquilli ma ciò che occorre è senz'altro una buona struttura: la rete per il letto deve essere necessariamente ergonomica e solida per soddisfare tale scopo. Anche se sui letti moderni i bambini non si divertono più tanto a saltarci sopra e fare andare su tutte le furie le mamme e le nonne perché non molleggiano come le vecchie reti a molle, le reti moderne sono studiate specialmente per soddisfare il benessere psico-fisico di chi le utilizza. Gli aspetti positivi sono moltissimi a cominciare dall'assenza di fastidiosi cigolii quando si prova a cambiare posizione, cosa non da poco, specie quando ci si ritrova a dormire accanto alla persona amata a scambiarsi effusioni senza la paura che chi dorme a pochi passi dalla nostra camera, possa sentire l'imbarazzante rumore della rete; le doghe per reti in legno impongono una corretta postura e così i terribili mal di schiena saranno soltanto un lontano ricordo.

Le aziende di reti per il letto

In Italia vi sono molte aziende che forniscono reti in doghe di legno ergonomiche e resistenti in grado di migliorare la qualità del sonno. In questa sede vi daremo qualche suggerimento che vi potrà essere utile se vorrete acquistare una nuova rete per il vostro letto. L'azienda Altaflex propone delle reti in doghe in legno all'avanguardia, come il modello Comfort TP con la possibilità di alzarle e abbassarle come le sedie a sdraio, con un tipo di meccanismo sia manuale che elettrico; addirittura per quelle matrimoniali, il singolo partner può alzare la rete in maniera indipendente rispetto alla persona che ha al suo fianco, in maniera tale da regolarla a suo piacimento.

L'azienda Neoplano propone una vasta gamma di reti, da quelle classiche a una piazza, a due piazze e a una piazza e mezza a quelle moderne con meccanismo elettrico o manuale per per permetterne il movimento.

Per ulteriori info:

Altaflex.it

Doghematerassi.it

rete altaflex
Repost 0
Published by francesca - in Mobili e Arredamento
scrivi un commento
19 luglio 2011 2 19 /07 /luglio /2011 14:51

Le pensiline sono strutture architettoniche atte a svolgere una funzione protettiva dalle intemperie e allo stesso tempo incidono notevolmente sull'aspetto formale del prospetto su cui sono poste.

Le pensiline in legno

In commercio esistono varie tipologie di pensiline, costituite da una struttura portante che puà essere in vari materiali, come legno, ferro, acciaio e da una copertina di policarbonato, nel caso di materiali metallici o quella classica realizzata con tegole e guaina bitumata, accordata con il legno. Le pensiline in legno generalmente le ritroviamo su prospetti di abitazioni dallo stile rusticheggiante ma ciò non esclude il fatto di poterle inserire anche su strutture moderne, dal momento che il legno lamellare è un materiale molto versatile. Infatti la struttura portante della pensilina in legno è proprio costituita da travetti di spessore di 14-16 cm in legno lamellare che rappresentano gli elementi portanti della struttura e dai travetti trasversali di circa 4,5x9 cm sui quali verrà posta la copertura di spessore di 20 mm con l'applicazione di guaina bitumata. È possibile trovare in commercio pensiline in lamellare abete impregnato di varie musure anche se quelle standards si aggirano intorno i 100-200 cm. Addirittura vi sono pensiline moderne che combinano al legno l'inserimento di pannelli fotovoltaici così da svolgere una doppia funione: quella protettiva dalle intemperie e quella legata al risparmio energetico così da essere perfettamente in linea con i principi dell'ecosostenibilità. Vi sono molte aziende che forniscono pensiline di legno su tutto il territorio nazionale. Di seguito ve ne suggeriamo qualcuna che presenta prodotti solidi, esteticamente attraenti e competitivi a livello economico:

giardinoinlegno.it

mglegno.com

ipannellisolari.com

Aspetti positivi

Il legno è un materiale naturale, vivo e per le sue caratteritiche sia strutturali che estetiche possiede una grande carica espressiva e sicuramente rispetto agli altri materiali esprime al meglio quel famoso senso di protezione per il senso di calore che trasmette. Inoltre il legno è un materiale molto versatile, adattabile sia su strutture moderne che rusticheggianti ed infine è un materiale molto resistente e strutturalmente capace di coprire ampi spazi (legno lamellare).

Aspetti negativi

Il legno però ha necessariamente bisogno di una costante manutenzione perchè facilmente attaccabile dalle intemperie e dalla formazione di funghi e batteri. Proprio per questo le pensiline dopo essere montante vengono sottoposte ad un trattamento anti-funghicida e che contrasti la penetrazione dell'acqua, che rappresenta il suo nemico principale. Per conferire l'effetto lucido sul legno si passa della cera ed infine per imbrunirlo basta una spennellata di olio di lino cotto.

pensilina in legnopensilina in legno
Repost 0
Published by francesca - in Mobili e Arredamento
scrivi un commento

Presentazione

  • : Blog di carpe-diem
  • : In questo blog troverete molte notizie utili riguardanti l'architettura, la poesia e recensioni su locali e luoghi in Italia.
  • Contatti

Link